Massimo isolamento,
per edifici a zero impatto
ambientale

Un materiale ecosostenibile

Il polistirene espanso è un prodotto sintetico migliore di altri prodotti definiti “naturali”: è atossico, non contiene CFC né HCFC ed è riciclabile al 100%. Per questo molte ricerche lo prendono addirittura a modello per il suo rapporto costi ambientali/prestazioni. ll suo impiego fa risparmiare molta più energia di quanta non ne consumi la sua produzione.

Per esempio, isolando termicamente una casa costruita nel 1970, con pannelli in polistirolo, tutta l’energia utilizzata per produrre i pannelli viene recuperata nel tempo da 2 a 4 mesi.

E’ costituito dal 98%
di aria e solo dal 2%
di materiale sintetico.

È prodotto senza
inquinare le risorse
idriche ed esente dal
rilascio di sostanze nocive.

È ecologico perché
riciclabile e ha un impatto
ambientale minore
rispetto ad altri materiali.

È un ottimo isolante
termico: contribuisce a
mantenere inalterate
nel tempo le qualità
dei prodotti.

Polistirolo espanso
Isolamento ecocompatibile

Per definire un materiale “ambientalmente preferibile” è corretto analizzare gli impatti ambientali che questo determina nel “cerchio” completo di tutta la sua vita.

Questo viene fatto con un metodo definito, che porta il nome di Life Cycle Assessment – Ciclo di vita (LCA). Uno degli indicatori più importanti del LCA è il GWP, che misura, in Kg di CO2, il potenziale effetto serra generato per produrre un dato quantitativo di materiale.

Dalla tabella sottostante, si ricava che la produzione di un isolante in EPS è certamente più eco-compatibile rispetto alla produzione di alcuni isolanti che utilizzano materiali
parzialmente già correggere testo e grassetti, presenti allo stato naturale.

Polistirolo espanso
e CAM (Criteri Ambientali Minimi)

Criteri Ambientali Minimi (CAM), stabiliti dal Ministero dell’Ambiente, sono requisiti che ogni specifico materiale, in base alla sua applicazione, deve possedere (obbligo) per poter essere utilizzato negli appalti pubblici.

Gli obiettivi dell’introduzione dei CAM sono:
• la riduzione degli impatti ambientali
• la promozione di modelli di produzione e consumo più sostenibili (circolari)
• la diffusione di attività eco-ambientali

Per soddisfare i CAM, gli isolanti in polistirolo espanso devono contenere almeno un 10% di materiale riciclato derivante dal ciclo di rifiuti.

Politop ha una gamma di prodotti conforme ai CAM, a cui viene posto il marchio PSV (plastica seconda vita) rilasciato dall’ente terzo accreditato IPPR (Istituto per la Promozione delle Plastiche da Riciclo – www.ippr.it) che ne certifica la conformità.

Marcatura CE
Sistema 1

In Italia i prodotti isolanti per l’edilizia hanno l’obbligo della
marcatura CE.

Per apporre il marchio CE sugli isolanti in polistirene
espanso sinter-izzato (EPS) bisogna attenersi alla
normativa Europea EN 13163.

In particolare è necessario effettuare dei test
iniziali sui manufatti (ITT) ed adottare un sistema
di controllo qualitativo che può essere scelto tra
quattro metodologie definite “sistemi”.

La differenza sostanziale tra i quattro sistemi è il
controllo o meno di un organismo notificato terzo
della produzione e dei prodotti.

Il sistema adottato da Politop su tutta la produzione
di isolanti è il più stringente, che prevede la visita e
il controllo di un Ente terzo in azienda, quindi quello
con maggior garanzia di un prodotto di qualità.

Indipendentemente dal sistema adottato tutte le
aziende devono rilasciare il DOP (dichiarazione di
prestazione); mentre con il sistema “1” l’Ente terzo
rilascia inoltre un certificato di conformità.